Glera. L'origine del vitigno Prosecco ha animato discussioni interminabili. Troppo grande il fascino e il successo del nostro vino: in tanti ne hanno rivendicato la paternità.
Infine la ricerca storica e scientifica ha definitivamente certificato che il vitigno padre dell'uva Prosecco è GLERA. Glera (da glaera? Ghiaia?) è presente ancor oggi alle propaggini del Carso triestino dove troviamo da secoli un piccolo borgo nomato Prosecco.
Da lì è partita l'epopea che ha trovato nei secoli il suo zenit e la sua consacrazione tra i colli di Valdobbiadene e Conegliano.
E a Valdobbiadene si è sedimentato e specializzato nelle dolci vallecole e negli aspri declivi che da Santo Stefano si dipartono verso la montagna a Nord e verso e oltre il Follo a Sud.

Le vigne della nostra azienda sono variamente adagiate sui ripidi pendii che fronteggiano il Follo e sono ben visibili dalla nostra cantina. Le stagionali lavorazioni sono fatte tutte a mano.

La potatura invernale con l'impiego di pali in legno e legacci in salice.

I sarmenti
che risultano dalla potatura vengono raccolti a mano e utilizzati, in parte, per il focolare domestico come si è costumato per secoli in queste contrade.

Il trattamento anticrittogamico
nei mesi della rigogliosa vegetazione vengono limitati al massimo e con prodotti non invasivi e certificati.

Lo sfalcio dell'erba in più riprese viene fatto a mano e la stessa è depositata nel letto delle viti ad apportare ricche e naturali sostanze organiche di nutrimento.

La vendemmia anch'essa tutta manuale con il trasporto a braccia nei ripidi colli delle ceste dove l'uva si deposita con dolcezza e conserva fino alla pigiatura la sua fragranza, presupposto indispensabile per ottenere mosti delicati e integri.

La Cantina è di modeste dimensioni accostata all’abitazione e nella quale l’acciaio ha sostituito il legno povero delle botti fatte in casa dai nostri nonni. Acciaio che garantisce la massima igiene e una fermentazione lenta dalla quale risulta, al fiorire della primavera, la complessità aromatica e la serbevolezza dei nostri vini.